• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità, Primo Piano, Ricerca

Viagra e congelamento, al via nuovi studi

Il progetto si chiama Via-Gel e prevede che circa 40 volontari, di ambi i sessi di età tra i 18 ed i 65 anni, trascorrano per due volte tre ore all’Aiguille du Midi, a 3842 metri. Durante una delle due sessioni, i partecipanti dovranno assumere il sildenafil, principio attivo del Viagra.

Quello che verrà misurato è il flusso sanguigno: “Il nostro obiettivo è quello di vedere se il sildenafil può essere usato come cura al congelamento. È già stato dimostrato che è utile per il trattamento dell’edema polmonare causato dall’altitudine, ma mai come trattamento del congelamento”, ha affermato Dr Cauchy. Al quotidiano francese Le Dolphine. Lo studio durerà tutto febbraio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *