• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Sciatore muore travolto da una valanga

Photo @ CNSAS Piemonte

Uno sciatore francese ha perso la vita nella giornata di ieri travolto da una valanga. L’uomo era assieme ad altri 5 connazionali e 2 guide alpine cuneesi e stavano effettuando una discesa in fuori pista dal monte Chiamossero in località Limonetto, nel comune di Limone Piemonte (CN), dopo essere stato trasportati in vetta dall’elicottero.

Il gruppo è sceso dividendosi in due: il primo è passato senza problemi, il secondo è stato invece travolto dalla valanga, distaccatasi intorno a una quota di 2400 metri nel Vallone delle Giosolette. La guida alpina e gli altri due sciatori sono riusciti ad uscire autonomamente dalla neve, mentre il terzo è rimasto sepolto.

Dopo una ventina di minuti, quando l’elicottero del 118 è arrivato sul posto, i compagni dell’uomo sepolto avevano già individuato, grazie all’apparecchio ARVA che portava con sé, il punto in cui si trovava ed erano impegnati a scavare. Il Tecnico di Elisoccorso, l’Unità Cinofila da Valanga e il medico a bordo del velivolo hanno aiutato nel lavoro di disseppellimento a una profondità di circa 50 cm e hanno iniziato le manovre di rianimazione, ma senza successo. Nel frattempo una squadra della Stazione di Limone del SASP è stata elitrasportata sulla valanga per effettuare un’ulteriore bonifica, mentre un’altra Unità Cinofila da Valanga del SASP e una del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza erano pronte a essere condotte sul posto.

I tentativi di rianimazione si sono protratti nel tempo senza dare esito positivo; la salma è stata recuperata e trasportata a valle per le successive operazioni di riconoscimento

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Ancora persone sotto valanghe. Poi addirittura guidati da Guide. Saliti in Elicottero…per cui non hanno valutato se il pendio era a rischio. Cosa posso dire? che mi dispiace? Mah, se uno se la cerca…… Poi non chiamamoli più sci alpinisti, è una offesa per i veri sci-alpinisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *