• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano, Prodotti tipici

Sull’Appennino arriva la “casa” del Parmigiano di montagna

Sull’Appennino modenese con l’inizio del 2017 prenderà il via la realizzazione della prima “casa” del Parmigiano reggiano di montagna, che consiste in un magazzino dedicato esclusivamente alle forme di montagna. Il progetto, da 9 milioni di euro, dovrebbe concludersi per la fine dell’anno.

Lo scopo è quello di valorizzare questo prodotto, che deve essere realizzato e stagionato in quota per rispettare i requisiti comunitari di tutela della denominazione di origine in zone qualificate “di montagna” (regolamento UE115/12). L’attenzione è anche rivolta all’economia montana, spesso fragile a causa dell’isolamento del territorio e dello spopolamento.

parmigiano-reggiano-prodotto-montagna-colline-selvapiana-canossaLa creazione di un luogo dove consentire al Parmigiano di montagna di riposare almeno per 12 mesi, consentirà ai caseifici che fino ad ora mandavano a stagionare le forme in pianura, di entrare nel sistema di certificazione. Nelle aree qualificate “di montagna”, così come definite dal Consorzio del Parmigiano Reggiano, della provincia di Modena operano 42 caseifici con una produzione annua di oltre 194mila forme di Parmigiano Reggiano. Il nuovo magazzino permetterà loro di ottenere l’attribuzione del prestigioso marchio “Prodotto di Montagna”.

Ad affiancare l’opera, le iniziative del Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano finalizzate a migliorare la conoscenza di questo prodotto sul mercato, che presenta dei plus legati alla filiera in alta quota.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *